Emma Marie

and

Roko Button

15. October 2018.

at 7 o’clock in the evening
Villa Macadamiana second at Marianberg
Hilltop Dr Menomonee Falls, WI 53051 US

top

DGTL Barcelona 2019

DGTL Barcelona 2019

Il DGTL è uno dei festival più attesi del momento. È nato in Olanda, ad Amsterdam, terra di riferimento per la scena, ma dal 2015 è stato trasferito in Spagna, a Barcellona. Un trasferimento fortunatissimo: la connessione tra le due città è forte e vivissima. Sia la capitale olandese che il capoluogo catalano sono due città cosmopolite, vivaci, accoglienti, capaci di ospitare alcuni degli eventi artistici e culturali più significativi in circolazione. Non a caso, qualcuno definisce Barcellona l’Amsterdam del Mediterraneo.

Il clima mite catalano, le spiagge di Barcellona e la location del Parc del Fòrum si sono rivelate la cornice ideale del DGTL. Ogni edizione ha segnato successo di pubblico crescente, portandolo alla fama mondiale, trasformandolo in evento di culto nel suo genere.

Ogni anno è stato caratterizzato da un set unico, dalla ricerca di una visione e di un’evoluzione continua, dalla sapiente combinazione di talenti locali e grandi nomi della musica elettronica, house e techno underground provenienti da tutto il mondo. Fortissima e inconfondibile la sua identità visiva, contraddistinta da installazioni artistiche e performance artistiche strabilianti, tutti elementi che creano un’esperienza di clubbing unica. Si fa riferimento a macchine sputafuoco, a scenografie ipnotiche, esperienze multisensoriali, videomapping e molto altro.

 

Fonte: Flickr Autore: Jorge Franganillo Licenza: Attribution 2.0 Generic (CC BY 2.0) 

Non solo, ma uno degli aspetti più innovativi e caratterizzanti del DGTL Barcelona è l’attenzione che gli organizzatori di questo festival hanno voluto riservare ai temi della sostenibilità e della salvaguardia ambientale. Il DGTL sta cambiando il modo di avvicinare lo spettatore contemporaneo ai festival e ai grandi eventi, puntando su valori come l’inclusività, la consapevolezza e il rispetto. Da tempo è stato lanciato il progetto Revolution, che mette la sostenibilità al primo posto nel processo d’organizzazione di grandi eventi. Seguendo questo spirito DGTL ha adattato la sua organizzazione e modificato i suoi assetti. Il festival mira ad esplorare e promuovere tutto quello che riguarda le più recenti innovazioni tecnologiche orientate alla riduzione degli sprechi e delle emissioni di CO2. La riduzione delle emissioni di diossido di carbonio passa per un’intelligenza limitazione dell’utilizzo di energia, per un meditato impiego dei trasporti, e non solo. Si fa molta attenzione a non sprecare acqua, si coinvolgono attivamente i visitatori promuovendone le scelte eco-sostenibili. Tra le ultime novità, si è scelto di bandire la vendita di cibo a base di carne all’interno del festival.

Quest’anno il festival si terrà dal 23 al 24 agosto. La line-up del 23 agosto prevede i live di Mr. G, Nolah, Octo Octa e Satori. Gli artisti che si esibiranno, qui riportati in ordine alfabetico, sono: Anetha, ANNA, Axel Boman, Brenda, Charlotte de Witte, Colin Benders, DJ Harvey, Dubfire & Tiga, Ivy Barkakati, Jeff Mills, Luuk van Dijk, Marcel Dettmann, Moxie, Pan-Pot, Paula Cazenave, Recondite & Marcus Worgull, Seth Troxler, Virginie AKA Vir e Ylia. Il 24 agosto sono previsti i live di Henrik Schwarz, HVOB (live), Larry Heard aka Mr Fingers (live) e Xosar (live). La seconda giornata prevederà anche nomi come Adriana Lopez, Arnau Obiols, Chris Liebing, Discos Paradiso Crew, Hitch, Isabella, Jeremy Underground, Len Faki, Lil’ Louis, Mano Le Tough, Marian Ariss, Mr. Scruff, Nastia, Paula Temple, Raxon, Skatebård e Sonja Moonear.

Il festival si tiene al Parc del Fòrum, località ideale, facilmente raggiungibile con i mezzi pubblici. Basta infatti prendere la metro gialla L4 e scendere alla fermata El Maresme-Forum. I cancelli saranno aperti dalle 3 PM alle 3 AM.

Anche dal punto di vista del prezzo dei biglietti, il DGTL ha pochi rivali. Nonostante festival di questo calibro propongano spesso biglietti d’ingresso piuttosto esosi, l’ingresso giornaliero al DGTL viene 44€, mentre il prezzo delle due giornate è di 85€.

Inoltre, il mese di agosto a Barcellona è ricchissimo di eventi. Gli amanti della musica troveranno iniziative come il Festival Mas I Mas, che si tiene dal 31 luglio al 6 agosto, offrendo agli spettatori tantissimi concerti rock, blues, jazz, flamenco e soul. Per tutto il mese il Festival Música Als Parcs proporrà un fitto programma di concerti di musica classica e jazz nei parchi di Barcellona. Ad esibirsi saranno talentuosi musicisti locali, l’ingresso ad ogni concerto sarà libero.

Ad agosto la città non è solo musica. Durante la stagione estiva, Barcellona è una delle mete predilette dai turisti di tutto il mondo. Gli appassionati di poker attendono l’EPT Barcelona, torneo internazionale che si terrà nella città catalana dal 20 agosto al 1 settembre. Discoteche e locali notturni saranno più che mai affollati e anche le strade si riempiranno di vita, in particolare durante la Festa de Gràcia, che si terrà dal 14 al 20 agosto. Questa festività è considerata una sorta di carnevale barcellonese. Arrivata alla sua 202° edizione, si tiene nel distretto di Gràcia (linea verde L3, metro Fontana).

Una festa tradizionale veramente incredibile si tiene nel centro della città e prende il nome di Festa del Barri Gòtic o de Sant Roc. Dal 1589 questa festa si ripropone, conservando canti, balli e costumi tradizionali. Dal 13 al 17 agosto il cuore della città offrirà esibizioni di danze tipiche tradizionali come la sardana, sfilate di giganti di cartapesta e di correfoc, ovvero gruppi di figuranti vestiti da diavoli che camminano per la città scoppiando petardi in compagnia di giganteschi draghi sputafuoco e di spettacoli pirotecnici.

L’estate di Barcellona rispetta l’identità di una città proiettata nel futuro, ma che conserva con orgoglio le sue tradizioni più antiche e pittoresche, incantando migliaia di visitatori. Da non perdere.

 

Fonte: Wikimedia Autore: JoeJoeJoe93 Licenza: Attribution-ShareAlike 3.0 Unported (CC BY-SA 3.0)